chi siamo

L’associazione

Kitchen Story è un’associazione di promozione sociale che ha l’obiettivo di avvicinare diversi pubblici alla lettura dei libri, attraverso le tematiche del mondo del cibo e della gastronomia.

Il progetto nasce da una riflessione sulla trasversalità e universalità della cultura culinaria, che raccoglie attorno a sé mondi diversi e crea occasioni di socialità e convivenza, e dal desiderio di fare innovazione in campo editoriale, avvicinando le persone al tema dell’editoria digitale in modo coinvolgente e collaborativo.

Ci piace parlare di “cucine del mondo” per esprimere il desiderio di creare un nodo della coesione sociale, che operi come centro di trasferimento di conoscenza e di sviluppo di talenti; per fornire strumenti, oltre ai contenuti.

A partire da questo presupposto vogliamo entrare in relazione anche con altre discipline artistiche, oltre alla letteratura: musica, arti figurative, teatro e cinema, ma soprattutto sperimentare nuovi modelli di produzione digitale nel segno della contaminazione tra generi.

Con sguardo aperto sull’Era Sociale, Kitchen Story vuole aggregare interessi e risorse per creare una rete di collaborazione su esperienze di comunità, per la promozione della cultura.

La nostra sfida è quella di coinvolgere le persone interessate ai mondi delle culture differenti, delle cucine e delle letterature per ampliare i confini di senso della città-metropoli dove viviamo. Faremo questo con la partecipazione di artisti, ricercatori, appassionati e chiunque sia interessato a collaborare attivamente a un progetto di “cucinità”.

Seguici su:
Facebook www.facebook.com/KitchenStoryMI
Twitter @KitchenStoryMI
Pinterest www.pinterest.com/kitchenstorymi/

Le persone

Emanuela BergomiKitchen Story People - Emanuela Bergomi

Presidente

Dopo la laurea in Architettura inizio a lavorare con passione al Centro di Ricerca per il Teatro di Milano, come assistente del direttore artistico. Nello stesso periodo collaboro con la cattedra di Scenografia del Politecnico di Milano, progettando eventi che coinvolgevano studenti ed artisti di diverse discipline.

Seguono molti anni di attività nel settore editoriale  e successivamente nella comunicazione pubblicitaria, per approdare al mondo digitale non appena si è presentata l’occasione.

Il progetto Kitchen Story rappresenta una sorta di ritorno alle origini: cultura, ricerca, sperimentazioni, contaminazioni di generi, integrazione e impegno sociale. Sono gli ingredienti che daranno senso a questa avventura che della cucina vuole indagare le storie e assimilare l’approccio di lavoro.

Nella nostra “kitchen” avrò il compito di cercare le materie prime, miscelare e coordinare i nostri progetti.

Kitchen Story People - Fiamma PetrovichFiamma Petrovich

Segretario

Kitchen Story per me è una narrazione aperta a sensibilità che conoscono i segreti del sale e dello zucchero, apprezzando la bellezza dei congiuntivi. Non è un luogo dove sono incoraggiati i fondamentalismi dello stomaco e della lingua. Il mio campanilismo culinario ha radici a Firenze e si è stemperato a Londra, primi anni novanta, nei family dinner di una cucina di studenti francesi, tedeschi, ebrei, indiani, cinesi; quindi nel decennio successivo in un caffè catalano e poi nella cucina siciliana di un’isola caraibica, dove è nata la scrittura del mio secondo libro. Adesso vivo in una Chinatown d’Occidente e porto in tavola:
pomodori rossi
Haruki Murakami
iPad
sangiovese bio
cioccolato amaro al 70%
Variazioni nel tempo

Kitchen Story People - Nadia PerolariNadia Perolari

Vice presidente

Innamorata della lettura dall’età di 6 anni, della fantascienza e dei motori dai 7, sono cresciuta in una cucina viva, allegra, dove c’era sempre qualche cosa che bolliva in pentola: casoncelli, polenta, oseli scapac, minestrone, trippa, lasagne, pasta fresca…
A questi grandi amori, che perdurano nel tempo, si sono aggiunti la passione per le cucine del mondo (1991+ Francia, Austria, Germania, Algeria, Svezia, Australia, Messico, Guatemala, Indonesia, Tunisia, India, Grecia, Vietnam, Egitto, Brasile, Finlandia, USA…) e il digitale (1994+ Internet, app, mobile, social…).

L’autore che in me lascia una traccia olfattiva più marcata è Jorge Amado. Le sue descrizioni di cucine, persone, colori, riti, sapori, preparazioni e cibi, in Tieta d’Agreste, Gabriella garofano e cannella e Dona Flor…, mi portano a sognare quei cibi, quelle cucine.

Nel tempo libero -e con il bel tempo- mi dedico ad un’altra delle mie grandi passioni: la moto.

To condense fact from the vapor of nuance / Condensare i fatti dal vapore delle sfumature
Neal Stephenson, Snow Crash

Allenata sul campo da oltre 20 anni di lavoro in agenzie digitali di comunicazione, marketing, CRM, sviluppo di software e sistemi, il mio ruolo è quello di esplorare come la tecnologia potrà “aumentare” la nostra lettura e il nostro rapporto con la preparazione e la convivialità legata al cibo, per facilitare la creazione e lo sviluppo di progetti ibridi, collaborativi, geo-localizzati, di sperimentazione artistica, editoriale e culinaria.

One thought on “chi siamo

  1. Pingback: TESSERA ASSOCIATIVA KITCHEN STORY | LIBRERIA DI CULTURA GASTRONOMICA

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s